sabato 24 giugno 2017

Occhi diversi.

Da molto tempo mi ero promesso di rientrare nelle impostazioni di questo mio blog.Mi aveva dato tante emozioni nel passato,mi divertiva osservare e criticare a modo mio quel che piu' o meno mi colpiva.Spesso in disaccordo dalle opinioni degli altri ho detto ugualmente la mia,magari anche giudicato male da qualcuno,ma senza remore,senza problemi.
E son volati due anni dal mio ultimo post,mi sembra impossibile che io abbia speso quasi 800 giorni della mia vita senza scrivere nulla piu'.In realta' qualcosa ho scritto,magari altrove,ma ho continuato a farlo.La vita ci cambia continuamente,gli eventi ci indirizzano in alcune strade e qualche volta le difficolta' ci rendono svogliati,assenti,come se stessimo trascorrendo un periodo di sospensione,come fossimo a galla,ancorati alle nostre difficolta' in attesa che ci snodino e lascino andare via.
Così e' stato in questi anni per me.Dopo una cocente delusione amorosa che senza  io mi accorgessi mi cambiava dentro,ho continuato a vivere sorridendo di meno,allontanandomi un pochino dai miei sogni,da cio' i cui credevo,dalle mie aspirazioni,lasciandomi leccare le ferite e facedomi capire che in fondo non ero io quello sbagliato.O forse lo ero stato nel dare,troppo.
Tutto accadeva quando pero' il mondo stava velocemente cambiando,quando ai tg davano notizie sempre piu' tragiche che raccontavano di barconi di essere umani alla ricerca della salvezza in mezzo al mar mediterraneo.A galla,ancorati anche loro alla speranza che nella vita il bello debba ancora venire.
Pian piano i miei occhi vedevano la realta',un mondo in cambiamento,in corsa,spesso in pericolo,nelle grandi citta',come Parigi,la mia seconda casa che tanto io avevo amato e dove avrei voluto vivere.
E' cambiato davvero il mondo,non e' retorica,ed e' cambiato anche il mio.Mentre facevo silenzio cambiavo nel cuore,cambiavo citta' e mi trasferivo tra i monti.Desideroso di svegliarmi la mattina con un sorriso sulle labbra,magari baciato dal sole o dal suono di un usignolo felice di volare.Ma ero insicuro perche' la mia Venezia mi sarebbe mancata e forse avrei sofferto ancora.
Ci ho riflettuto per tanto tempo,ma quando avvenne un incidente nel mio appartamento di Venezia non ebbi scampo.Dovetti mettere in vendita per far fronte a dei lavori.Nessun consiglio,manco da un parente,non aspettatevi niente.Non dormivo la notte,forse faro' bee forse faro' male,non so.
Pagato tutto mi trovai con un gruzzoletto tra le mani e pensai...Mamma cosa devo fare adesso?Una casetta a Venezia non mi viene piu' con questo denaro...e così la scelta tanto tormentata e' venuta da sola.Oggi vivo in provincia di Belluno,tra i monti,un posto meraviglioso che molti veneziani han goduto durante le loro vacanze.
Oggi sto ritornando,alla vita,a scrivere,a fare.La mia Venezia e' li,sempre assediata da tutti,non scappa e mi aspetta.Quando posso torno da lei,come dalle persone che amo che apparetemente ho lasciato ,ma che porto nel cuore.Ed ora e' tempo di riprendere questo blog,scrivere ancora,credere ancora,in se stessi,nelle proprie capacita,guardando il mondo senza occhiali da sole,probabilmente con occhi diversi.

5 commenti:

  1. La vita e' fatta di periodi, piu' o meno lunghi e bastano momenti per sconvolgerla, tutto sta, riuscire a sopportare reagendo col fare e essere quello che siamo e che vogliamo essere.

    RispondiElimina
  2. Caro Cesare,
    i cambiamenti sono sempre positivi...permettono di reinventarci.
    Io stesso quando mi è stata data l'opportunità, a mio avviso era un opportunità, agli occhi di molti altri era una follia dovendo lasciare a casa moglie e figli, ho fatto la valigia e sono andato a lavorare in Kazakhstan...non sapevo nemmeno dov'era...e poi Nigeria, Congo...
    Pertanto goditi le tue scelte, che sono solo tue....tanto chi vorrà criticare lo farà lo stesso, ma sarà solo la voce dell'invidia per il coraggio che loro non avranno mai.
    Un abrraccio
    Andrea

    RispondiElimina

Occhi diversi.

Da molto tempo mi ero promesso di rientrare nelle impostazioni di questo mio blog.Mi aveva dato tante emozioni nel passato,mi divertiva osse...