sabato 4 aprile 2015

Vagabondo

La notte e' cosi lunga che sembra non dover finire mai. Esausto su quel letto di cartone, con quella convinzione esasperante di non riuscire ad addormentarti ancora. Gli occhi spalancati e piccoli cercano la luna nascosta,invadente e traditrice.Senza lei il buio ti cinge l' anima e pare soffocarti...mentre chiudi gli occhi tra il frastuono di tacchi e voci sconosciute e hai paura che il mondo fuori non si torni a illuminare piu'. Fuori dalla tua casa,da quel cartone dentro al quale ti avvolgi ,come in un sudario che imprigiona i tuoi ricordi.Vicino a te una corda su cui hai steso ad asciugare due calzini rotti e un sogno. Pensi a come e' stato ieri,a ciò che avresti voluto costruire ed invece ti si è distrutto tra le mani.Cocci nella notte si infilzano nella tua pelle stanca e ruvida dal freddo,in quei mille pensieri,nelle tue nascoste inconfessabili paure che non racconti piu'a nessuno. Nessuno di quel nessuno sa' che nella vita hai scalato cime invalicabili ,fino a quando,un giorno non ce l'hai fatta piu'. Dormi cosi',vestito ,eppure il buio ti spoglia...dei tuoi abiti sudici,delle tue poche sicurezze e ti dona solo e fragile,alla strada e alla notte. Tra i rumori e il miagolio di un gatto scappato, forse stai per addormentarti quando pensi di aver fallito in tutto. Invece no. Tu non hai fallito. Ti e' solo andata male. Han fallito loro,quelli che ti hanno ignorato,deriso,infastidito,quelli che non ti han visto,quelli che anche stanotte non ti vedranno perché hanno il buio negli occhi.

Nessun commento:

Posta un commento

Occhi diversi.

Da molto tempo mi ero promesso di rientrare nelle impostazioni di questo mio blog.Mi aveva dato tante emozioni nel passato,mi divertiva osse...